Annalisa, shiatzuka, rivive il suo primo anno di Counseling a mediazione corporea e nota come ha imparato ad ascoltarsi e ad accettarsi in modo più completo, facendo proprie anche quelle emozioni che prima avrebbe cercato di rimuovere.

Durante l’estate appena trascorsa ho vissuto un’intesa esperienza personale, gestire due persone anziane alle quali sono profondamente legata. Grazie al lavoro fatto in quest’anno di formazione in Counseling a mediazione corporea, ho avuto l’opportunità di ascoltarmi molto più intensamente di quanto già non facessi. L’aspetto nuovo che ho colto è che non ho censurato e giudicato negativamente alcune emozioni, quelle che in passato avrei etichettato come “brutte”.

Ho notato in modo particolare di essere riuscita ad accettarmi in modo completo sia per le cose belle e positive che posso fare e pensare, ma anche senza sentirmi in colpa quando emergono alcuni aspetti di me che non mi piacciono. In questo modo mi sento più rilassata e sto meglio. Il primo anno della scuola di formazione mi ha dato l’opportunità di ripassare cose già fatte ma di scoprire argomenti nuovi, ed anche un nuovo modo di lavorare sul proprio sviluppo personale.

Alla fine dell’anno scolastico, mi sono sentita molto più serena, calma, centrata, come se fossi diventata più adulta. Mi sono sentita a mio agio con il gruppo con il quale ho lavorato; ho provato spesso una profonda sensazione di complicità e di appartenenza che non mi accade spesso di provare. Sicuramente tutto è stato facilitato dalla profondità del lavoro che abbiamo fatto; ma la cosa che mi ha colpito tanto è stata anche la leggerezza, la passione e la voglia di lavorare insieme. Mi sono sentita ascoltata, protetta e sostenuta.

 

 

linea-diretta

CONTATTO RAPIDO

Insight Scuola di Counseling a Mediazione Corporea
Via Guido D'Arezzo 19 - 20145 - Milano Tel: 3276828931 - CF 97375660152 - P.Iva 07462360962