Per Angela il primo passo è stato di riconoscere che cosi non si poteva andare avanti. Dalla consapevolezza della propria fragilità è nato il cammino che ha migliorato la qualità della sua vita. Adesso meno stress, una capacità maggiore di gestire tensioni e conflitti, relazioni migliori e più benessere.

Sono manager in campo finanziario; lascio immaginare il livello d’impegno e responsabilità che vivo. A ciò aggiungete un marito e due figli adolescenti, un cane e una casa da far andare avanti. A un certo punto stavo per crollare, non ce la facevo più a reggere tutto. E’ stato duro ammettere a me stessa questa cosa perché fino ad allora ero stata inossidabile, instancabile, incrollabile.

Avvicinarmi al BreathWork-Counseling, prima a titolo personale e successivamente per l’iter formativo professionale, mi ha fatto comprendere che continuavo a negare i miei bisogni in funzione di altro e degli altri, ma io non c’ero. Non potevo andare aventi così, anche fossi stata fatta di ferro sarei crollata prima o poi.

E’ stato un lungo percorso, con momenti faticosi ed altri bellissimi. Un pezzo della mia vita impagabile perché mi ha rinnovata e resa migliore. E’ un paradosso: riconoscere la mia fragilità mi ha resa forte in modo autentico. Porto ciò che ho imparato nella mia professione ed è un altro vivere e un'altra qualità di lavoro: meno stress, più capacità di gestione delle tensioni e dei conflitti, relazioni migliori, più benessere.