Approdato nel nostro paese all'inizio degli anni ottanta, negli ultimi sei anni il Counseling sta vivendo il suo momento d'oro italiano. C'è interesse da parte del pubblico, sia per obiettivi di tipo personale sia in funzione della possibilità di acquisire competenze professionali. Anche l'offerta attualmente è elevata.

Come spesso accade nel nostro paese, quest'interessante realtà non è però regolamentata e supportata da una legislazione chiara e precisa. Questo consente il nascere anche d'iniziative che di professionale hanno poco o nulla e, soprattutto, contribuisce al diffondersi d'informazioni non del tutto corrette e chiare sull'argomento.

La rivista "Counseling" (Edizioni Erikson, Trento) ha pubblicato nel primo numero 2008 l'articolo "La formazione nel Counseling in Italia: riflessioni a margine di una ricerca empirica", della Dottoressa A.M. Di Fabio. Cito alcuni stralci.
"In America recenti rassegne sottolineano l'impegno per un miglioramento dell'attuale situazione dei corsi di formazione in Counseling. Nel contesto italiano la situazione formativa e legislativa appare ben diversa. …. Le ricerche effettuate (dipartimento di Psicologia dell'Università degli Studi di Firenze) mostrano una situazione complessa, con numerosi elementi di criticità. Sostanzialmente manca una politica nazionale di linee guida scientifiche e unanimemente condivise."

Negli USA la figura del Counselor è riconosciuta come professione necessaria al benessere dell'individuo; numerose scuole ed istituzioni scolastiche hanno un'area di Counseling a supporto dei disagi giovanili e dell'integrazione multiculturale, per esempio, oltre che per il sostegno alle difficoltà scolastiche. Molta attenzione è data alla prevenzione, investendo nell'attenzione del benessere psicologico degli adolescenti e delle giovani generazioni, poiché diventeranno gli uomini di domani.
In Italia sono stati realizzati due sole azioni ufficiali: nel 2000 il CNEL, Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro, ha inserito il Counseling nel monitoraggio delle professioni non regolamentate e il Parlamento italiano ha emesso un decreto speciale per riconoscere una normativa CEE al riguardo nell'ottobre 2007, (D.L.G.S. sulla direttiva comunitaria 2005/36/CE, approvato il 23/10/2007). E' un inizio ma è ancora poco per definire una regolamentazione seria, per la quale sarà necessaria una legge nazionale vera e propria.

Grazie al senso di responsabilità professionale e all'impegno di chi opera in questo settore da oltre vent'anni, nel nostro paese sé stato fondato un ente di categoria, S.I.Co. Società Italiana di Counseling, allo scopo di creare una forma di auto-regolamentazione tra le scuole e i professionisti di Counseling italiani. Sono stati stabiliti dei criteri di formazione e delle linee guida, prendendo spunto dalle scuole storiche d'oltre oceano. E stato creato inoltre un Registro professionale dei Counselor italiani, al quale è possibile iscriversi.
S.I.Co. accredita inoltre scuole di formazione dopo un iter di valutazione attenta e dettagliata.

L'offerta attuale di corsi di Counseling in Italia è varia; la mancanza di legislazione consente purtroppo il fiorire anche di proposte che hanno ben poco con l'approccio originario. Per esempio, a mio parere, una particolare attenzione va rivolta con sano senso critico alle proposte di formazione "full immertion", che in 5 o 7 giorni garantiscono l'acquisizione di competenze e capacità da professionisti. Sono promesse che in alcuni ambiti possono funzionare, non nel Counseling. Le relazioni tra esseri umani, la comunicazione, le dinamiche interiori degli individui, sono "mondi" complessi e articolati; pensare di poterli "svelare" con qualche trucco di prestidigazione psicologica può risultare anche come insulto all'intelligenza delle persone. Inoltre il tempo, i ritmi di apprendimento e sedimentazione, sono fattori fondamentali per l'apprendimento.

Volendo avvicinarsi al Counseling è preferibile rivolgersi a scuole e a professionisti che siano accreditati da enti di categoria; questa non è una garanzia assoluta ovviamente, ma almeno testimonia impegno professionale e senso di responsabilità.

 

 

linea-diretta

CONTATTO RAPIDO

Insight Scuola di Counseling a Mediazione Corporea
Via Guido D'Arezzo 19 - 20145 - Milano Tel: 3276828931 - CF 97375660152 - P.Iva 07462360962